La Cassazione sui limiti al diritto all’oblio. Ordinanza n. 6919/2018 del 20/03/2018

 

La Cassazione con ordinanza n. 6919/2018 del 20/03/2018 ha definito i limiti entro i quali il diritto all’oblio può subire una compressione in favore del diritto di cronaca. La Corte ha stabilito i criteri per operare il contemperamento tra diversi diritti fondamentali che trovano fondamento nella Costituzione italiana e nelle Carte dei Diritti di matrice internazionale e comunitaria. Nel provvedimento sono citati anche alcuni importanti precedenti giurisprudenziali delle Corti europee e della nostra Cassazione.

Il diritto fondamentale all’oblio può subire una compressione, a favore dell’ugualmente fondamentale diritto di cronaca, solo in presenza di specifici e determinati presupposti:

1) il contributo arrecato dalla diffusione dell’immagine o della notizia ad un dibattito di interesse pubblico;

2) l’interesse effettivo ed attuale alla diffusione dell’immagine o della notizia (per ragioni di giustizia, di polizia o di tutela dei diritti e delle libertà altrui, ovvero per scopi scientifici, didattici o culturali), da reputarsi mancante in caso di prevalenza di un interesse divulgativo o, peggio, meramente economico o commerciale del soggetto che diffonde la notizia o l’immagine;

3) l’elevato grado di notorietà del soggetto rappresentato, per la peculiare posizione rivestita nella vita pubblica e, segnatamente, nella realtà economica o politica del Paese;

4) le modalità impiegate per ottenere e nel dare l’informazione, che deve essere veritiera (poiché attinta da fonti affidabili, e con un diligente lavoro di ricerca), diffusa con modalità non eccedenti lo scopo informativo, nell’interesse del pubblico, e scevra da insinuazioni o considerazioni personali, sì da evidenziare un esclusivo interesse oggettivo alla nuova diffusione;

5) la preventiva informazione circa la pubblicazione o trasmissione della notizia o dell’immagine a distanza di tempo, in modo da consentire all’interessato il diritto di replica prima della sua divulgazione al grande pubblico.

In assenza di tali presupposti, la pubblicazione di una informazione concernente una persona determinata, a distanza di tempo da fatti ed avvenimenti che la riguardano, non può che integrare, pertanto, la violazione del fondamentale diritto all’oblio.

Possono interessare anche:

Il diritto all’oblio nell’era digitale: il libro di Viktor Mayer-Schönberger

Diritto all’informazione e limiti alla diffusione delle immagini dei minori su Internet (Quaderni de La Pagina Giuridica)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.